Meglio Dottori Criminali che Onesti?

By | 23 aprile 2018
Dottori Criminali

foto by Internet – Dottori Criminali

Pubblico un Articolo di Marcello Pamio dal Titolo Ordine dei medici: meglio dottori criminali che onesti? Due pesi e due misure sul suo Sito Disinformazione.it

Titoli ed Evidenziature di Paolo Cavacece.

LA CUPIDIGIA UMANA
L’elenco dei medici indagati, arrestati e incriminati dalla magistratura è lunghissimo.
Non passa giorno senza che la cronaca elenchi casi di camici bianchi corrotti, venduti, delinquenti, spacciatori e pure assassini. La carne dell’uomo si sa è molto debole, tanto più se la sua natura è pervertita dalla cupidigia.

GLI ORDINI DEI MEDICI
La cosa veramente scandalosa è che gli ordini dei medici, cioè le istituzioni professionali (private e purtroppo riconosciute dalla legge) che raggruppano in un albo gli iscritti permettendo loro di professare l’Ars medicandi, invece di essere oggettivi e imparziali dimostrano sempre più la loro vera natura: vergognose realtà politicizzate che usano due metri e due misure nei confronti dei loro soci. Per quale motivo misure diverse? Ovviamente per rimettere in carreggiata, non tanto i lupi assetati di sangue, ma le pecorelle smarrite, quelle che hanno perduto la strada e sono uscite dal gregge…
Guai a mettere il naso fuori.

Questo è il motivo per cui da una parte vi sono moltissimi criminali con lo stetoscopio al collo che risultano regolarmente iscritti all’ordine, dall’altra grandissimi Medici senza macchia, senza nessun capo d’imputazione e denunce, radiati per reati di opinione!

Va da sé che queste «opinioni» sono tremendamente pericolose per un Sistema canceroso in metastasi che fa di tutto per mantenere la struttura costituita.

Ecco spiegata questa folle e allucinante discrepanza.

DOTTORI CRIMINALI
Quindi se oggi un medico ammazza persone per soldi; sperimenta illegalmente farmaci; prende quintalate di soldi dalle lobbies; spacca le ossa a vecchietti innocenti per fare “esperienza”; mette valvole cardiache difettose (sapendolo coscientemente); prescrive ormoni pericolosi a neonati; danneggia un bambino con i vaccini, ecc. NON viene radiato. Se il medico rimane dentro l’invisibile recinto delimitato dai lupi (i protocolli imposti dalle industrie) va tutto bene.

MEDICI DUBBIOSI SULLE VACCINAZIONI
Se invece un medico mette SOLO in discussione una pratica aberrante come la vaccinazione di massa, viene radiato nel giro di poche settimane.

La Vita ci sta dicendo che è molto meglio e più sicuro essere delinquenti e criminali, piuttosto che onesti medici che praticano il «Primum non nocere» di Ippocrate.
Questo grazie agli ordini professionali che in un paese sano, libero e democratico non dovrebbero neppure esistere. Purtroppo l’Italia è una colonia, dove vige una dittatura camuffata da democrazia rappresentativa, per cui tutto calza alla perfezione…

Ecco qualche banale esempio del metro e delle due misure.

DOTTORI CRIMINALI

DUILIO POGGIOLINI
Direttore Generale del servizio farmaceutico nazionale del Ministero della Sanità, coinvolto e accusato di aver istruito procedure per cui venivano autorizzati aumenti di prezzo dietro versamento di compensi «una tantum». Accusato di aver favorito l’ingresso di alcuni farmaci nel prontuario sanitario dietro compensi, è stato inoltre corrotto dalle case farmaceutiche Bayer e Baxter per la vendita dei flaconi infetti contenenti i virus dell’HIV e delle epatiti.
Secondo alcune stime, in Italia i decessi per infezione da emoderivati sono circa 2.600 e i contagiati 60.000 (dati al 2009).
Il dottor Poggiolini non è iscritto all’ordine, ma avendo la veneranda età di 88 anni sicuramente si è ritirato lui. Non risultano essere stati presi procedimenti nei suoi confronti.

FRANCESCO DE LORENZO
Coinvolto nello scandalo di Tangentopoli, ha avuto una condanna definitiva a 5 anni per associazione a delinquere finalizzata al finanziamento illecito ai partiti e corruzione in relazione a tangenti per un valore complessivo di circa nove miliardi di lire, solo in parte ottenute da industriali farmaceutici dal 1989 al 1992, fra cui l’attuale GSK, che chiese di rendere obbligatorio il vaccino dell’epatite B durante il suo ministero in cambio di 600 milioni di lire.

Il dottor De Lorenzo è ancora iscritto all’ordine dei medici di Napoli (numero 6770).

PIER PAOLO BREGA MASSONE
L’ex primario del reparto di chirurgia toracica della clinica Santa Rita di Milano, condannato all’ergastolo per quattro omicidi volontari in relazione alla morte di altrettanti pazienti da lui operati e di un’ottantina di casi di lesioni.

La Cassazione pare abbia ritirato la condanna.

Attualmente il Brega Massone sta scontando una condanna definitiva a 15 anni e mezzo di reclusione per decine di casi di lesioni ai danni di pazienti, oltre alla truffa al sistema sanitario nazionale per avere eseguito interventi inutili o dannosi “a scopo di lucro”.

Il dottor Brega Massone è ancora iscritto all’ordine dei medici di Pavia (numero 05986).

NORBERTO CONFALONIERI
Primario ortopedico a Milano è finito agli arresti domiciliari per corruzione e turbativa d’asta e maltrattamenti oltre a lesioni ai danni dei pazienti,
avrebbe favorito due multinazionali, la Johnson&Johnson e la Braun, per la fornitura di protesi all’ospedale in cambio di consulenze, viaggi per la famiglia, cene, cravatte e varie comparsate in tv per reclamizzare le protesi in questione.

Il dottor Confalonieri è l’unico in «sospensione temporanea».

GUIDO FANELLI
Il luminare del dolore, era Direttore della Struttura di Anestesia, Rianimazione e Terapia Antalgica dell’Azienda Ospedaliera di Parma, è stato arrestato dai NAS assieme ad altre 19 persone tra dirigenti medici e imprenditori per attività illecite, sperimentazioni illegali di farmaci e contributo da parte di aziende del farmaco. I carabinieri gli hanno sequestrato auto di lusso, immobili e perfino uno yacht su cui erano affissi anche loghi di lobbies farmaceutiche.

Il dottor Fanelli è ancora iscritto all’ordine dei medici di Lecco (numero 00674).

CARMINE CUCCINIELLO, GIORGIO MARIA CALORI, CARLO ROMANÒ E LORENZO DRAGO
Sono tutti primari agli arresti domiciliari perché accusati di aver applicato protesi anche a persone che non ne avevano bisogno. Cucciniello e Maria Calori sono del Cto-Gaetano Pini mentre Romanò e Drago del Galeazzi.

Tutti i medici sono regolarmente iscritti ai rispetti ordini.

ROBERTO GAVA
Medico farmacologo, tossicologo e cardiologo, non è mai stato contrario alla vaccinazione in sé, ma esprimendo dubbi su come vengono eseguite oggi, è stato RADIATO.

DOTTORI RADIATI

D’altronde in Italia il reato di opinione è gravissimo!
DARIO MIEDICO
Medico legale, non è mai stato contrario alla vaccinazione in sé (i figli sono regolarmente vaccinati), ma esprimendo dubbi su come vengono eseguite oggi, è stato RADIATO!

PAOLO ROSSARO
Medico chirurgo è stato RADIATO perché ha seguito le specifiche volontà terapeutiche di un suo assistito.

GABRIELLA MEREU
Medico chirurgo, è stata RADIATO perchè non dava “il consenso informato”.

GABRIELLA LESMO
Medico pediatra (con un figlio autistico danneggiato dal vaccino anti-epatiteB, reso obbligatorio grazie ai 600 milioni di lire presi dal medico De Lorenzo), per aver espresso dei dubbi sull’obbligo vaccinale è stata RADIATA.

SISTEMA SANITARIO E ORDINI PROFESSIONALI MARCI
Sempre più medici stanno prendendo coscienza del fatto che il Sistema è marcio fin dentro il midollo; che gli ordini professionali sono illegittimi e scandalosamente scorretti; che le industrie farmaceutiche hanno fagocitato totalmente la ricerca e gli studi scientifici e infine che le persone sono sempre più malate e intossicate.

Per cui la domanda che sorge spontanea è: quanti medici riuscirete a radiare prima che un Norimberga 2.0 giudicherà le vostre criminose azioni?

COMMENTO
I Casi di Dottori Criminali ce ne sono ben di più. Rammento per esempio quello del Dr. Paolo Iannelli Responsabile del Reparto di Ortopedia del Cardarelli di Napoli. La Regione Rimborsava la Prestazione Sanitaria come Intramoenia in clinica convenzionata e il Paziente Pagava di Tasca Propria pensando di essere Fuori dal Regime Regionale. Doppio Pagamento!

La Lista sarebbe Lunghissima e per coloro che volessero “Sbizzarrirsi” basta cercare in Google Dottori Criminali o Medici Criminali o Dottori Arrestati, etc ..

A Titolo di Memoria Riporto il Giuramento di Ippocrate (Moderno), di come si dovrebbe Comportare il Medico nei confronti dei Pazienti soprattutto ma anche dei Colleghi e della Società in Generale.

Consapevole dell’importanza e della solennità dell’atto che compio e dell’impegno che assumo, giuro:

– di esercitare la medicina in autonomia di giudizio e responsabilità di comportamento
contrastando ogni indebito condizionamento che limiti la libertà e l’indipendenza della professione;

– di perseguire la difesa della vita, la tutela della salute fisica e psichica, il trattamento del dolore e il sollievo dalla sofferenza nel rispetto della dignità e libertà della persona cui con costante impegno scientifico, culturale e sociale ispirerò ogni mio atto professionale;

– di curare ogni paziente con scrupolo e impegno, senza discriminazione alcuna, promuovendo l’eliminazione di ogni forma di diseguaglianza nella tutela della salute;

– di non compiere mai atti finalizzati a provocare la morte;

– di non intraprendere né insistere in procedure diagnostiche e interventi terapeutici
clinicamente inappropriati ed eticamente non proporzionati, senza mai abbandonare la cura del malato;

– di perseguire con la persona assistita una relazione di cura fondata sulla fiducia e sul rispetto dei valori e dei diritti di ciascuno e su un’informazione, preliminare al consenso, comprensibile e completa;

– di attenermi ai principi morali di umanità e solidarietà nonché a quelli civili di rispetto dell’autonomia della persona;

– di mettere le mie conoscenze a disposizione del progresso della medicina, fondato sul rigore etico e scientifico della ricerca, i cui fini sono la tutela della salute e della vita;

– di affidare la mia reputazione professionale alle mie competenze e al rispetto delle regole deontologiche e di evitare, anche al di fuori dell’esercizio professionale, ogni atto e comportamento che possano ledere il decoro e la dignità della professione;

– di ispirare la soluzione di ogni divergenza di opinioni al reciproco rispetto;

– di prestare soccorso nei casi d’urgenza e di mettermi a disposizione dell’Autorità competente, in caso di pubblica calamità;

– di rispettare il segreto professionale e di tutelare la riservatezza su tutto ciò che mi è confidato, che osservo o che ho osservato,inteso o intuito nella mia professione o in ragione del mio stato o ufficio;

– di prestare, in scienza e coscienza, la mia opera, con diligenza, perizia e prudenza e secondo equità, osservando le norme deontologiche che regolano l’esercizio della professione.

Il Giuramento Originale di Ippocrate (Testo Antico) Prevedeva anche la Frase: Non somministrerò ad alcuno, neppure se richiesto, un farmaco mortale, nè suggerirò un tale consiglio; similmente a nessuna donna io darò un medicinale abortivo.

Frase tolta dal Giuramento Moderno. Chissà perchè …

Paolo Cavacece


Paolo Cavacece

Non Curo e Non Visito perchè Non sono medico ma Promuovo Semplicemente alcuni Principi Filosofici-Igienico-Salutisti di Naturopatia Scientifica e Faccio Ricerca e Sperimentazione Autonoma circa l'Impatto degli Alimenti Solidi e Liquidi sul Nostro Organismo ...

Altri Articoli - Sito Web

SEGUIMI
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle PlusStumbleUponYouTube

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *