Quanto Zucchero nel Caffè?

di | 19 Aprile 2019
Zucchero nel Caffè
foto by Paolo Cavacece – Zucchero nel Caffè
Il Cucchiaino da Utilizzare è quello Piccolo da Caffè

Questo Articolo si Propone di essere un Semplice Suggerimento circa la Quantità di Zucchero da Mettere nel Caffè che Non Influisca però sulla Glicemia.

Possibile? Sì, è Possibile!

PREMESSA DOVEROSA

I Seguenti Suggerimenti però si Riferiscono Solamente all’Assunzione di Caffè (Thè o Tisane) lontano dai Pasti e Non come Conclusione di questi Ultimi.
Per Esempio la Mattina a Digiuno (se Non si fa Colazione), a Metà Mattinata o a Metà Pomeriggio.

Nel Caso di un Fine Pasto sarebbe Bene Berlo Assolutamente Amaro, altrimenti andremmo ad Aggiungeri Zuccheri a quelli Eventuali già Assunti.

VOLEMIA

Per Conoscere la Quantità di Zucchero che Non Inneschi il Meccanismo Insulinico ed il Suo Picco, dovremmo Prima Conoscere la Quantità di Sangue (Volemia) che Circola nel Nostro Corpo.

Tralasciamo altre Problematiche Mediche per cui la Volemia viene Calcolata. Anche nel Nostro Caso basta Applicare la Formula di Nadler.

VOLEMIA – FORMULA DI NADLER

Maschi = 0,3669 x Altezza (mt)3 + 0,03219 x Peso (kg) + 0,6041
Femmine = 0,3561 x Altezza (mt)3 + 0,03308 x Peso (kg) + 0,1833

Se Non si ha Voglia però di Sviluppare la Formula, si può Utilizzare un Semplice Calcolatore Automatico, QUI.

ESEMPIO TEORICO

Ammettiamo allora che un Signore è Alto 1,70mt e Pesa 70kg, il suo Volume di Sangue in Litri (Volemia) è 4,66lt.

Ipotizziamo allora per Semplicità di Calcolo, il Valore della Sua Glicemia a Digiuno di 100 mg/dl, egli avrà Complessivamente in “Circolo” 4,66gr di Zucchero.


Ammettiamo allora che un Signore è Alto 1,70mt e Pesa 70kg, il suo Volume di Sangue in Litri (Volemia) è 4,66lt.

Ipotizziamo allora per Semplicità di Calcolo, il Valore della Sua Glicemia a Digiuno di 100 mg/dl, egli avrà Complessivamente in “Circolo” 4,66gr di Zucchero.

Come si sa l’Insulina viene Secreta quando si Supera la Soglia Limite di 126 mg/dl (dr. V. Tatti, d-journal Diabete Ticino – Iperglicemia Post-Prandiale). In questo Caso invece lo Stesso Signore avrebbe in Circolo 5,87 gr di Zucchero.

CONCLUSIONE TEORICA: BASTA UNA SEMPLICE SOTTRAZIONE!

5,87 gr – 4,66 gr = 1,21 gr è la Quantità di Zucchero che il Signore dell’Esempio Può Mettere nel Caffè (Thè o Tisana) Senza Secrezione Insulinica nè Picchi Glicemici! Un Piccolo Cucchiaino da Caffè. Raso in questo Caso.

NOTA

Allora Probabilmente Persone Non Diabetiche con Valori Glicemici a Digiuno Inferiori a 100mg/dl, Potrebbero Utilizzare una Mezza Bustina di Zucchero da Bar. Non di Più (meglio Meno che Più).

Per Coloro che hanno Problematiche Diabetiche invece, Zero Zuccheri (Tutti Inclusi), Zero Carboidrati Insulinici (Pasta, Riso, Pane, Pizza, Tutti i Prodotti da Forno Nessuno Escluso, Patate, Etc.).

TEST PRATICO DELLO ZUCCHERO NEL CAFFÈ

Dato che la Mattina Non Faccio Colazione, ho voluto Testare questa mia Tesi Teorica in Modo Pratico, con l’Aiuto di un Glucometro.

Dopo i Calcoli con la Formula di Adler Risulta che avrei Potuto Utilizzare 1,4 gr di Zucchero. Ho tenuto anche anche Conto che Utilizzo lo Zucchero Moscobado che ha 94% di Carboidrati al Contrario dello Zucchero Bianco Raffinato che ha il 99% di Carboidrati. Ben il 5% in Meno per la Contemporanea Presenza di Numerosi Minerali.

Zucchero nel Caffè

IL TEST PRATICO SI È RIVELATO ADDIRITTURA MIGLIORE DELLA TEORIA

Risulta Evidente che lo Zucchero Assunto Non ha Prodotto Secrezione Insulinica nè tantomeno Picco Glicemico. Quindi è Probabile che si sarebbe potuto Utilizzare una Porzione di Zucchero Superiore (un Po’ Meno di Mezza Bustina da Bar).

In Ogni caso al Termine del Test, Sento di Poter Consigliare 1 Cucchiaino Piccolo da Caffè di Zucchero Moscobado (1,5gr – quello della Foto). Lontano dai Pasti però (o a Digiuno). Meglio in ogni caso che ognuno Provi sul Prorpio Organismo. Per il Bene della Propria Salute ..

Paolo Cavacece

SE HAI TROVATO L’ARTICOLO UTILE NON RINGRAZIARE FAI UNA DONAZIONE
Studi, Ricerche e Spese per Test e Sperimentazioni sono Esclusivamente a Carico del Sottoscritto in quanto Ricercatore Libero, Indipendente e Non Sponsorizzato da Alcuno, per questo sono Bene Accette Donazioni a Supporto che possono essere Effettuate con:

1) Bottone
Donazione in Alto a Destra del Sito (PayPal)
2) Bonifico Intestato a Paolo Cavacece IBAN:
IT47F03268223000EM000089041
3) PostePay Intestata a Paolo Cavacece CARTA N°:
4023600928539008.

Paolo Cavacece

Non Visito e Non Curo perchè Non sono medico ma Promuovo Semplicemente alcuni Principi dell'Alimentazione Naturale Evoluta dell'Uomo e Faccio Ricerca e Sperimentazione Autonoma circa l'Impatto Glicemico degli Alimenti sul Nostro Organismo ...

Altri Articoli - Sito Web

SEGUIMI
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle PlusStumbleUponYouTube

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.