Vaccini e Bugie – Lettera Aperta di Perrino (CNR)

By | 12 aprile 2018
Vaccini

foto by Internet – Vaccini: Prof. Pietro Perrino Ricercatore al CNR

Ricevo e Molto Volentieri Pubblico la Lettera Aperta sui Vaccini che il Prof. Pietro Perrino, Ricercatore del CNR (Centro Nazionale Ricerche), ha Pubblicato sul Sito Libera Scelta in data 05/04/2018.


Quante bugie e forzature sui vaccini? Il Prof. Pietro Perrino, ricercatore al CNR, pubblica un’altra lettera di denuncia e approfondimento, indirizzata al presidente della regione Puglia e al sindaco di Bari.

VACCINI: Lettera aperta a M. Emiliano e A. Decaro

Presidente Emiliano e Sindaco Decaro,

mi riferisco alla vergognosa legge 119/2017 di Beatrice Lorenzin sulla obbligatorietà di 10 vaccini (polio, difterite, tetano, epatite B, pertosse, Hemophilus B, morbillo, rosolia, parotite, varicella). Ho già avuto modo di esprimere il mio dissenso su questa legge che oltre ad essere incostituzionale è priva di ogni fondamento scientifico. Spiego perché.

Sui libri di medicina e sulle riviste scientifiche è scritto che: le vaccinazioni di massa, avviate negli anni ’50 e ’60, hanno salvato l’umanità dalle epidemie delle malattie infettive. È una bugia autentica. Non c’è nulla di vero in quest’affermazione.

La verità è un’altra:

• le epidemie delle malattie infettive sono diminuite gradualmente dall’inizio del Novecento fino ad annullarsi completamente prima che arrivassero le vaccinazioni di massa, così come mostrano i dati ISTAT (Istituto Nazionale di Statistica). Non si tratta di credere o non credere, si tratta di consultare, correttamente, le tabelle o i grafici di un’istituzione pubblica, appunto come l’ISTAT. Dati disponibili a tutti, anche al Presidente della Puglia e al Sindaco di Bari. Ciò è vero per l’Italia, per gli USA, per la Gran Bretagna e per l’intero pianeta.

• Dall’inizio del Novecento, la mortalità causata dalle malattie infettive è diminuita gradualmente parallelamente al miglioramento di condizioni di vita, condizioni igieniche, nutrizione e accesso ad un’acqua più potabile, delle popolazioni interessate.
Non c’è nulla di misterioso in tutto questo. Non si tratta di miracoli, ma del fatto che le cause delle malattie non sono i germi, ma le condizioni di salute della gente.

• Alla fine dell’Ottocento, inizio Novecento, alle case farmaceutiche di allora e alla Big Pharma di oggi, piacque molto la teoria dei germi di Louis Pasteur, secondo la quale la malattia è causata dai germi. Alle case farmaceutiche piace l’idea perché in questo modo si riesce a vendere molecole (farmaci) per uccidere i germi e così il business continua all’infinito.

Alle case farmaceutiche non conviene che la gente scopra la verità e cioè la vera causa della malattia: cattivo stile di vita e cattive abitudini alimentari, che debilitano il corpo umano e lo rendono suscettibile ai germi. Un capitolo questo che vi risparmio, ma che invito ad approfondire.

Tutto ciò dovrebbe essere sufficiente a cancellare la legge 119/2017, ma, per chi ne ha voglia, ci sono altri elementi che possono aiutare a comprendere che i vaccini sono “inutili e dannosi”.

• Lo aveva già affermato, alla fine dell’Ottocento, Alfred Russel Wallace (inglese), co-scopritore della teoria sull’evoluzione di Darwin, che dopo aver analizzato i dati di 45 anni di vaccinazioni antivaiolo (smallpox), pubblicò un documento di circa 50 pagine, dal titolo: “VACCINATION Proved to be Useless & Dangerous” (“Le vaccinazioni hanno mostrato di essere inutili e dannose”).

Mi fermo qui, ma, su Vs. richiesta, potrei continuare a fornire cento altre prove (pubblicazioni) che mostrano non solo l’inutilità, ma anche la dannosità dei vaccini a breve e lungo termine, incluse le future generazioni.

Mi preme sottolineare un aspetto sociale attuale che ritengo rilevante. Questa legge vergognosa ha messo le mamme dei bambini vaccinati contro le mamme dei bambini non vaccinati. Non è affatto vero che i bambini non vaccinati rappresentano un pericolo per i bambini vaccinati, ma è vero il contrario, come si potrebbe dimostrare con pubblicazioni alla mano.

In conclusione, ci sono le prove scientifiche e metanalisi che consentono di definire la legge 119/2017 un crimine contro l’umanità.

Prima di questa lettera potevate dire di non sapere, ora non più. Per favore, verificate tutto quello che volete, anche attraverso un comitato di studiosi indipendenti, ma fermate questo crimine.

Bari, 5 aprile 2018

Questa Volta Non Commento, mi sembra che Non ce ne sia Bisogno.

Paolo Cavacece


Paolo Cavacece

Non Curo e Non Visito perchè Non sono medico ma Promuovo Semplicemente alcuni Principi Filosofici-Igienico-Salutisti di Alimentazione Vegana/Vegetariana e Faccio Ricerca e Sperimentazione Autonoma circa l'Impatto Glicemico degli Alimenti sul Nostro Organismo ...

Altri Articoli - Sito Web

SEGUIMI
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle PlusStumbleUponYouTube

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *