Eurispes 2017: Vegani in Aumento!

By | 9 marzo 2017

foto by Internet – Eurispes Vegani in Aumento

I dati sono Presi Direttamente dal Sito Ufficiale EURISPES (dal 1982 al 1993 chiamato Ispes) Ente Privato Italiano che si occupa di Studi Politici, Economici e Sociali e Propone un Nuovo Paniere, differente da quello dell’ISTAT che prende come punto di riferimento una Famiglia Media Italiana con 2 figli, cercando di rappresentarne lo Stile di Vita.

Estrapolando dall’Attuale Rapporto i Dati Inerenti la Nostra Tematica, Risulta che:

VEGANI IN AUMENTO E MAGGIORE CONTROLLE DELLE ETICHETTE
• Il 75,4% dei Consumatori controlla l’Etichettatura e la Provenienza degli Alimenti;
• Evita di comperare Prodotti nei Negozietti Etnici (62%) e di Marche che non conosce (66,9%).
Il 59,9%, inoltre, preferisce Non acquistare Prodotti contenenti Olio di Palma.
• Il 7,6% (circa 4,6 milioni) del Campione segue una Dieta Vegetariana o Vegana. In particolare, il 4,6% degli intervistati si dichiara Vegetariano (-2,5% rispetto al 2016) mentre i Vegani giungono il 3% (quasi 1,9 Milioni – erano l’1%).

PREDILEZIONE PER I PRODOTTI PREGIATI ALIMENTARI ITALIANI
• Nell’acquisto di Beni Alimentari gli italiani Prediligono i Prodotti Made in Italy (74,1%).
• Molti (53,1%) acquistano spesso Prodotti con marchio Dop, Igp, Doc.
• In oltre la metà dei casi (59,3%) ad essere Privilegiati sono i Prodotti a km zero e nell’80,4% quelli di Stagione.
• Più basso invece, il numero (39,4%) di chi Acquista spesso Prodotti Biologici.

POCA FIDUCIA NELLA MEDICINA UFFICIALE E NEI VACCINI INFLUENZALI
Solo il 57,8%, si dice Fiducioso nell’efficacia dei Vaccini Antinfluenzali, mentre il 73,9% si fida dei Vaccini dell’Infanzia (una persona su quattro invece non si fida).
Oltre un Italiano su 5 (21,2%) fa uso di medicinali Non Convenzionali (+6,7% rispetto al 2012).
• L’Omeopatia è la Cura Alternativa più diffusa (76,1%).
• La Fitoterapia si colloca al secondo posto (58,7%), seguono l’Osteopatia (44,8%), l’Agopuntura (29,6%) e la Chiropratica (20,4%).

INTERNET PER STUDIARE I DISTURBI DI SALUTE
• Il 47,7% del Campione usa la Rete per cercare informazioni sui propri Disturbi di Salute.
• Sono i Giovanissimi dai 18 ai 24 anni ad affidarsi alla Rete con maggiore assiduità alla Ricerca di Consigli ed Informazioni mediche (64,4%).
• Internet si usa soprattutto per Capire a che cosa siano dovuti i sintomi/disturbi che si avvertono (91,5%).
Molto Alta risulta anche la percentuale di chi si Informa Online su Buone Pratiche/Abitudini utili alla Salute (79,9%).
• La metà (50,7%) usa la Rete per capire quali Esami fare, quasi la metà (47,4%) per capire quali farmaci assumere per il proprio disturbo.

Tratto da Eurispes 2017
Premessa, Titoli, Sintesi ed Evidenziature di Paolo Cavacece


Paolo Cavacece

Non Curo e Non Visito perchè Non sono medico ma Promuovo Semplicemente alcuni Principi Filosofici-Igienico-Salutisti di Naturopatia Scientifica e Faccio Ricerca e Sperimentazione Autonoma circa l’Impatto degli Alimenti Solidi e Liquidi sul Nostro Organismo …

Altri Articoli - Sito Web

SEGUIMI
TwitterFacebookLinkedInPinterestGoogle PlusStumbleUponYouTube

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *